LEGOLAND, E NON SOLO!

Quest’anno, in agosto, abbiamo boicottato il mare, troppo affollato e troppo caro! Così abbiamo deciso di fare tre giorni a spasso tra la Germania e la Svizzera.

 

1 giorno. Predazzo – Kempten – Memmingen – Gunzburg

(420 km)

 

Partenza al mattino presto e via verso il nord, dove tutto è bello e rilassante: l’aria, il panorama, quel senso di quiete e ordine, persino il viaggio in macchina è piacevole, grazie ad un’infinita natura che ci accompagna per tutto il tragitto.

Dopo la prima sosta al Brennero per fare colazione e comprare la “vignette” per l’autostrada, abbiamo deciso di fermarci a Kempten. E abbiamo fatto bene! Il centro storico merita davvero se si è appassionati di cittadine tedesche, poi ci sono tantissimi negozi e, che ve lo dico a fare, ristoranti e caffè tipici ovunque. A pranzo un currywurst con insalate di patate e via verso la prossima tappa!    

leggi di più 0 Commenti

in viaggio con bambini piccoli

Alzi la mano chi non si è mai sentito dire: "Goditela fino a che sei in tempo, dopo con i figli sarà impossibile viaggiare!". Che ansia!!! Certo non si può più partire con un bagaglio a mano verso una destinazione sconosciuta, ma vi assicuro che bambini piccoli + viaggiare non è = a fenomeno insormontabile.

 

Diciamo che la parola chiave è ORGANIZZAZIONE! Ricordo ancora il primo weekend che abbiamo fatto quando Lavinia aveva 3 mesi. La macchina era talmente piena che sembrava stessimo ultimando un trasloco per un luogo sconosciuto e privo di civiltà... Davide aveva provato a farmi notare che "forse" avevo un tantino esagerato con le valigie, ma vuoi mettere la vitale importanza di portare lo sterilizzatore? e almeno 5 ciucci di riserva? e una dozzina di cambi? Si sa che i neonati si sporcano spesso...

 

ok, NO PANIC! Ora ci rido su, ma la prima vacanza con il primo figlio è uno step in cui tutte le neo mamme ci devono passare... provare per credere!

leggi di più 1 Commenti

FUGA ALLO SCHWARZENSTEIN ALPIN & SPA RESORT

Lavinia e Lorenzo… la mamma vi ama un sacco… la mamma non si separerebbe mai da voi… ma la mamma ogni tanto deve ricaricare le batterie, con il papà! Dai, mettiamola così, diciamo che sono andata a scoprire uno stupendo hotel in Val Aurina! Giurin Giurello porterò anche voi la prossima volta!

 

Schwarzenstein Alpin & Spa resort, lo conoscete già? La coppia si rigenera e i bambini sono davvero i benvenuti! Qui la tradizione si mescola all’elegante modernità di una struttura calda e accogliente. E mentre mamma e papà si lasciano coccolare dai 5.000 mq di wellness e beauty, i piccoli teppisti possono scatenarsi nella piscina indoor & outdoor riscaldata a 31° e dove possono urlare e tuffarsi in tutta tranquillità!

 

Stufi della piscina? Niente paura: per i più piccoletti c’è il mini club “La foresta delle streghe” dove, tra attività organizzate 7 giorni su 7, una stanza intera di palline e una parete di arrampicata, i piccoli ospiti possono sfogare tutte le loro energie. Per i più grandi, invece, è prevista una grande stanza con videogiochi, biliardo, calcetto balilla e tanto altro ancora.

leggi di più 0 Commenti

NEW YORK, UN VIAGGIO ALLA SCOPERTA DEI PARCHI... GIOCHI!

Ad una settimana dal mio rientro dagli Usa è arrivato il momento di scrivere un po’ di considerazioni sul nostro viaggio a New York, ovvero la caccia al parco giochi!

La mattina, infatti, quando programmavo la giornata, Lavinia mi guardava come a ricordarmi il nostro patto tacito: un quartiere tu, un parco io, un ponte tu, un parco io. E fare questo a New York vi assicuro che è davvero semplice!

Ci sono spazi per bambini ovunque, con bagni pubblici, sabbiere grandissime, fontanelle e spruzzi d’acqua per rinfrescarsi nelle giornate più calde.

I giochi, poi, ritengo che siano ben pensati per stimolare lo sviluppo motorio e il coordinamento, permettendo ai bambini di arrampicarsi ovunque come delle piccole scimmiette, mentre le mamme trovano un po’ di conforto e rassicurazione nei pavimenti morbidissimi sottostanti.

 

Aria condizionata. O a New York non si paga l’energia elettrica o non mi spiego perché devono esserci sempre quei 20 gradi di escursione termica tra l’esterno e l’interno dei locali e dei mezzi di trasporto. Quindi è fondamentale portare sempre con sé una felpa, meglio se con cappuccio.    

leggi di più 0 Commenti

NEW YORK, VIAGGIO FINITO MA CHE ESPERIENZA!

I miei buoni propositi di fare una sorta di diario di viaggio è fallita. Non starò qui, quindi, ad annoiarvi nel raccontarvi giorno per giorno tutto quello che si può fare a New York. Ma di attività da fare anche con bambini ce ne sono davvero tantissime!

 

Una tra tante è ovviamente Central Park! Una giornata di relax, se così si può dire, perché con i suoi 4 km per 800 metri di verde c’è da camminare in ogni caso! La sensazione che ho provato è stata esattamente quella che si ha nel guardare le tantissime foto e video di questo enorme polmone verde di New York, ovvero WOW! E’ davvero fantastico perdersi nel verde e allo stesso tempo realizzare che si è nel cuore di Manhattan.

 

Per ricreare questo spazio di natura quasi selvaggia sono serviti, però, oltre 20.000 operai e venti anni di lavoro per trasformare palude e campi rocciosi nello splendido parco attuale. E per i bambini, inutile dirlo, è stupendo! Oltre al famoso Zoo, proprio accanto c’è il Tisch Children’s Zoo, uno zoo di animali come l’alpaca e capre nane, perfetto per i bambini più piccoli!

leggi di più 2 Commenti

DAY 4 NEW YORK. GREENWICH VILLAGE E DOWNTOWN

Il quarto giorno è stato senza ombra di dubbio il mio preferito. Abbiamo camminato tantissimo, ma ne è valsa davvero la pena!

 

Siamo partiti visitando la zona di Chelsea risalendo fino alla west 34 th, dove parte l’High line, una striscia verde che come un parco pensile all’altezza dei palazzi attraversa l’intero quartiere fino a Gansevoort per 2,3 km. Nasce su una sezione in disuso della vecchia ferrovia sopraelevata costruita per il trasporto merci e oggi è una stupenda passeggiata piena di fiori, alberi e giochi d’acqua.

 

Dopo la pausa pranzo siamo partiti alla scoperta del quartiere di Greenwich Village, decisamente accattivante, colorato e animato, divenuto infatti ritrovo di artisti e intellettuali negli anni ’50. Ed è proprio qui che non ho potuto fare a meno di fare la foto sulle scale del 66 Perry St, l’ingresso visto e rivisto mentre Carry Bradshaw esce di corsa da casa in “Sex and the City”. A pochissimi isolati di distanza, sulla 90 Bedford, c’è invece il condominio di “Friends”.    

leggi di più 0 Commenti

DAY 3 NEW YORK. CLINTON HILL, BROOKLYN

Il terzo giorno al papi tocca lavorare, così fiduciosi del fatto che Lorenzo avrebbe dormito, Lavinia ed io siamo uscite lasciando a casa gli ometti.

 

Passeggino, super frullatone da asporto (quanto mi mancherà questa usanza americana!!!) e via in direzione Prospect Park alla ricerca di nuovi parchi giochi… e proprio accanto all’ingresso del Brooklin Botanic Garden ne troviamo uno grandissimo!

 

Oltre al fatto che sono tutti recintati, un altro aspetto comodissimo delle aree gioco di New York è che ci sono bagni pubblici proprio all’ingresso, in questo modo non mi tocca scappare quando Lavinia chiama (sempre all’ultimo ovviamente!).

 

Per il pranzo siamo tornati a casa e il pomeriggio, visto che Lorenzo, Lavinia e papà sono crollati fino alle 16.30, abbiamo deciso di visitare un'altra zona di Brooklyn e la scelta è ricaduta su Clinton Hill, un bellissimo quartiere residenziale con lunghe alberate, ristoranti e due parchi, di cui uno all’interno del Fort Greene Park: da qui, sulla collinetta con il monumento ai Prison Ship Martyrs, si gode di una splendida vista su Manhattan.

leggi di più 0 Commenti

DAY 2 NEW YORK. GREENWICH E TIMES SQUARE

Nel nostro secondo giorno a New York abbiamo deciso di visitare il quartiere di Greenwich e la zona di Times Square e Rockfeller Center. Siamo arrivati in metro fino alla west 23rd st e la prima fermata è stata Madison Square Park, dove si può ammirare in lontananza verso nord l’Empire State Building, mentre girandosi a sud appare imponente il Flatiron Building, ovvero il grattacielo che in “Spiderman” rappresentava la sede del giornale per cui lavora Peter Parker!

 

A distanza di giorni resto ancora affascinata dall’innumerevole quantità di parchi e spazi verdi sparsi per la città. In questo modo risulta davvero piacevole visitare New York anche con bambini, permettendo, giustamente, delle pause divertententi anche a loro, che quindi ci seguono più volentieri, immaginando una continua caccia al parco nascosto! E oltre che per i bambini, gli spazi per correre e divertirsi sono tanti anche per i cani, sempre recintati e con la possibilità di dissetarsi!

 

Da qui siamo scesi verso sud lungo la 5th avenue fino ad arrivare a Washington Square, introdotto da un arco dedicato a George Washington. Sui prati tante famiglie e assidui lettori, ma Lavinia ha puntato subito al suo bellissimo parco giochi (piccola curiosità: tutte le aree gioco a New York sono limitate da recinzione con cancello, cosa che dà molta serenità alle mamme e ai papà).

leggi di più 0 Commenti

DAY 1 NEW YORK. BROOKLYN

Con tantissimo ritardo inizio a raccontarvi il nostro viaggio a New York, la città che non si ferma mai, mentre noi, che mediamente stiamo camminando per una ventina di km al giorno, crolliamo alle nove di sera insieme ai monelli.

 

Il nostro primo giorno è iniziato facendo la spesa in uno dei supermercati della via dell'appartamento. Avendo Lorenzo che mangia ancora le pappe, sono contenta di questa soluzione, che mi permette di fare il passato di verdura e congelarlo in bicchieri di plastica. In questo modo sono tranquilla per alcuni giorni e mi basta scaldarlo al mattino prima di partire e metterlo nel porta pappe termico.

Qui a Brooklyn si respira un ambiente più rilassato e familiare rispetto al cuore di Manhattan. E' un continuo susseguirsi di supermercati, lavanderie, ristoranti e locali di manicure e pedicure e, come in tutta la città, ci sono tantissimi parchi giochi e spazi verdi.

 

Il primo giorno abbiamo percorso senza nemmeno accorgercene 22 km! La voglia di scoprire e camminare con il naso all'insù è più forte della stanchezza! Abbiamo deciso di rimanere a Brooklyn, per prendere confidenza con la zona e iniziare ad esplorare ritmi e abitudini newyorkesi.

leggi di più 0 Commenti

IN VOLO VERSO NEW YORK CON EMIRATES

Sono già in ritardo sulla mia tabella di marcia, infatti mi ero ripromessa di raccontare ogni giorno il nostro diario di bordo, ma quando ti dicono che New York ti sconvolge… bhe è proprio vero! Con i suoi ritmi e le sue dimensioni perdi ogni cognizione di tempo! Ma noi per fortuna abbiamo i piccoli teppisti che ci dettano gli orari della fame e del sonno!

 

Il viaggio è andato meglio del previsto e ora posso consigliare a tutti di volare con Emirates quando si viaggia con bambini. Al di là della priorità al check-in e all’imbarco, cosa che fanno praticamente tutte le compagnie aeree, i veri vantaggi sono a bordo: con Lavinia la nostra salvezza è stato un monitor individuale con comode cuffie e la possibilità di scegliere tra una ventina di giochi per bambini oppure guardare centinaia di cartoni animati. Lavinia ha optato per guardare Frozen per circa 5 volte (e diceva le battute ad alta voce di Anna ed Elsa), ma la scelta è davvero varia. Questa, però, in realtà è una fantastica soluzione anche per noi adulti, grazie a centinaia di film e altrettanti giochi, anche di gruppo! E poi ci sono pure playlist musicali.

leggi di più 2 Commenti

METTI UNA TRASFERTA IMPROVVISATA A MONACO

Per il ponte del 2 giugno sognavo con tutte le mie forze il mare, ma tra una cosa e l'altra non abbiamo avuto il tempo di cercare e prenotare. Così, metti le previsioni per nulla incoraggianti e metti il traffico inevitabile verso ogni destinazione marina, abbiamo completamente stravolto i nostri piani...

 

"Sai che c'è? Andiamo a Monaco (di Baviera)". Detto, fatto. Cerco un hotel su booking, prenoto, preparo il borsone per tutti (e passeggino, e marsupio, e latte, e scaldabiberon, e omogeneizzati di frutta, e pannolini, e pappa per il pranzo, e giochini) e partiamo! 

 

Generalmente cerchiamo un family hotel, ma questa volta, trattandosi solo di una notte, non ho sentito questa necessità. Mi è bastato solo mettere qualche filtro: ho, infatti, flaggato la presenza di un ristorante (in modo da poter cenare senza dover fare grossi spostamenti e avere la possibilità di chiedere un passato fresco per Lorenzo), spa e piscina per avere un piano b in caso di brutto tempo e ho verificato la disponibilità di culla e spondina per il letto singolo di Lavinia. Così ho trovato una super offerta all'Hilton Hotel, di cui il miglior ricordo è senza dubbio la colazione! Inoltre, sebbene non sia un baby hotel, la culla per i più piccoli è di legno e con un morbido materasso e il personale è molto gentile con i bambini. In una sola giornata i due teppisti hanno ricevono 4 paperette colorate per il bagnetto e libretti per colorare!

leggi di più 0 Commenti

NEW YORK STIAMO ARRIVANDO!

Questa estate rinunceremo al mare, ma direi che ne vale proprio la pena, infatti siamo nel pieno dei preparativi per un'indimenticabile vacanza a New York!

 

Trattandosi di una trasferta di lavoro/piacere di tre settimane non riusciremmo mai a lasciare i due nanetti qui tra i monti e a separarci da loro per un periodo così lungo! Così, mi sono armata di coraggio e ho avviato l'intera organizzazione per mamma, papà, nana e nano.

 

Premesso che con Lavinia non mi sarei mai e poi mai immaginata di intraprendere un viaggio simile, ma si sa... con il secondo figlio tutto appare più semplice! Le infinite paranoie e le insormontabili difficoltà di gestione di un neonato diventano improvvisamente dei simpatici ricordi...

 

Vediamo, quindi, che cosa non dimenticare durante l'organizzazione di una vacanza a New York con prole annessa!

leggi di più 0 Commenti