DAY 1 NEW YORK. BROOKLYN

Con tantissimo ritardo inizio a raccontarvi il nostro viaggio a New York, la città che non si ferma mai, mentre noi, che mediamente stiamo camminando per una ventina di km al giorno, crolliamo alle nove di sera insieme ai monelli.

 

Il nostro primo giorno è iniziato facendo la spesa in uno dei supermercati della via dell'appartamento. Avendo Lorenzo che mangia ancora le pappe, sono contenta di questa soluzione, che mi permette di fare il passato di verdura e congelarlo in bicchieri di plastica. In questo modo sono tranquilla per alcuni giorni e mi basta scaldarlo al mattino prima di partire e metterlo nel porta pappe termico.

Qui a Brooklyn si respira un ambiente più rilassato e familiare rispetto al cuore di Manhattan. E' un continuo susseguirsi di supermercati, lavanderie, ristoranti e locali di manicure e pedicure e, come in tutta la città, ci sono tantissimi parchi giochi e spazi verdi.

 

Il primo giorno abbiamo percorso senza nemmeno accorgercene 22 km! La voglia di scoprire e camminare con il naso all'insù è più forte della stanchezza! Abbiamo deciso di rimanere a Brooklyn, per prendere confidenza con la zona e iniziare ad esplorare ritmi e abitudini newyorkesi.

Prima tappa Prospect Park, il polmone verde del quartiere. E' talmente grande e pieno di attività che un giorno solo non basta. Qui infatti troviamo:

  • Area nord-ovest il Long Meadow, uno spazio verde grandissimo per giocare e riposare, a est un angolo boscoso e a sud il Prospect Lake, un lago dove fare canottaggio, oltre ad una pista di pattinaggio con giochi d'acqua in estate e una da roller.
  • 7 parchi giochi per bambini
  • Children's Corner con la sua giostra di cavalli e il Prospect Park Zoo, che ospita leoni marini, babbuini e animali da cortile.
  • Brooklyn Museum. Su 5 piani, è diviso in 12 sezioni geografiche e ospita più di un milione e mezzo. Una delle sue attrattive principali è sicuramente l'arte egizia.
  • Brooklyn Botanic Garden. Giardino botanico che riunisce oltre 10.000 specie di piante.

Durante il nostro primo giorno ci siamo limitati a passeggiare lungo il parco e a visitare i parchi giochi (tappe importantissime per Lavinia che le localizza a centinaia di metri di distanza) e il Children's Corner.

Abbiamo continuato lungo la Flatbush Avenue fino ad arrivare nella zona di Brooklyn Heights, cioè quella a nord che si collega a Manhattan attraverso il ponte di Brooklyn. Attraverso le tipiche case ottocentesche in brownstone di stili architettonici diversi, siamo arrivati  al Brooklyn Bridge Park l'oasi delle famiglie situata proprio sulla costa di fronte alla skyline: aree per il gioco, barbecue pubblici e campi sportivi rendono sempre viva questa zona!




Scrivi commento

Commenti: 0