SVEZZAMENTO: QUALE METODO HO SCELTO PER I MIEI BAMBINI

 

Non vi ho mai raccontato il momento dello svezzamento dei miei bambini, una tappa a mio avviso importantissima e, allo stesso tempo, molto delicata perché determinante per lo sviluppo di corrette abitudini alimentari.

 

Lavinia non è mai stata una bambina propensa ad approcciare nuovi sapori e consistenze, mentre Lorenzo è sempre stato molto curioso. Nei suoi primi mesi di vita si attaccava famelico al seno, verso i cinque mesi, su consiglio del nostro pediatra, impazziva per la frutta omogeneizzata e poi, a sei mesi, le prime pappe! Ho sempre preferito iniziare con le classiche pappette senza sale aggiunto: un po’ perché credo che sia giusto inserire gradualmente gli alimenti, un po’ perché mi rassicurava sapere a grandi linee quanto mangiavano, ma soprattutto perché mi ha sempre messo molta ansia la possibilità che potessero ingerire pezzi di cibo troppo grandi.

 

Così, se Lavinia le prime pappe me le restituiva a suon di pernacchie, Lorenzo le ha apprezzate fin dal primo tentativo! Tant’è che il giorno successivo ho inserito anche la pappa della cena. Ora Lorenzo ha due anni e mangia davvero di tutto: frutta, verdura, pesce e, da bravo trentino, va matto per la carne!

 

Ma c’è una cosa alla quale non abbiamo ancora rinunciato. Alla comodità della frutta omogeneizzata, che mi permette di essere tranquilla in qualsiasi contesto ci troviamo: nei nostri viaggi alla fermata in autogrill o durante le gite in montagna. Durante un pomeriggio sulla neve o semplicemente al mattino, quando siamo in tremendo ritardo e non c’è mio marito che prepara la colazione per tutti!

 

Così ho provato la nuova linea frutta “Primi Dentini” di Mellin (esistono anche i prodotti carne), consigliata a partire dall’8° mese, ovvero quando iniziano a spuntare i primi dentini. A differenza degli omogeneizzati, presentano dei piccolissimi pezzettini di mela reidratata che aiutano quindi il bambino a sperimentare nuove consistenze, senza correre nessun rischio.

 

Si può scegliere tra frutta mista, mela, mela-banana e pera, con la serenità che si tratta di 100% frutta, attentamente selezionata e raccolta in frutteti controllati e garantiti, senza coloranti e conservanti (come previsto dalla legge) e senza zuccheri aggiunti (contiene infatti solo gli zuccheri della frutta).

Perfetta quindi per ogni età, situazione, esigenza… e buona! Parola di Mamma ;-)

 

Linda

 

- Per qualsiasi altra informazione, visitate la pagina “Primi Dentini” su mellin.it  -

Scrivi commento

Commenti: 3
  • #1

    Papà Dolomitico (martedì, 27 febbraio 2018 15:20)

    Pensavo e ne sono tuttora convinto che in Trentino avessimo e bastasse la mela Melinda e non la mela Mellin

  • #2

    Linda - Mamma Dolomitica (martedì, 27 febbraio 2018 15:34)

    Perfetta per i più grandicelli, ma non in fase di svezzamento dove sono sconsigliati zuccheri aggiunti! �

  • #3

    Stefania (martedì, 27 febbraio 2018 16:04)

    Un altro prodotto perfetto da portare in tasca é la.frutta da bere frullato e in.tante qualità di gusti frutta di.natura nuova bio... Purtroppo.la qualità della.mela trentina (non é solo.Melinda tra l'altro ma.ce.ne.sono tantissime altre, altrettanto buone.e di.qualità) non é sempre garanzia di qualità.... E opportuno studiare anche i terreni e le.zone in.cui.vengono raccolte le mele, ma senza togliere.nulla a nessuno obiettivamente trovo 'comodo' per un.viaggio, per una merenda al volo o ogni tanto usare questi frullati di frutta.... E sai cosa ti dico, non solo per i più piccoli, ma anche per i piu2 grandi... Come mamma e papà!!!