IN GITA AL LAGO DELLE SELLE

 

Oggi è domenica e si va in gita e se non sapete ancora dove andare ecco un bellissimo percorso che abbiamo fatto qualche settimana fa!

 

Solitamente non amiamo luoghi troppo affollati ma siamo speranzosi di non trovare troppa gente e così abbiamo scelto di andare in Val di Fassa.

 

La meta è il lago delle Selle in Val Monzoni. Parcheggiamo la macchina sopra Pozza di Fassa, alla Malga Crocifisso (m. 1530) e seguiamo le indicazioni per la Val Monzoni.  La strada è asfaltata, c’è un certo via vai di macchine e la cosa non ci entusiasma. Dopo dieci minuti troviamo un altro parcheggio, oltre il quale è posto il divieto di transito. La prossima volta opteremo per questa soluzione.

Il sentiero, in parte ancora asfaltato si trasforma presto in una strada forestale che sale fino ai resti di quella che qualche anno fa era la Baita Monzoni, distrutta poi da un incendio.

 

Tommaso, comodamente nello zaino sulle spalle del papà è felicissimo perché troviamo una zona recintata con dei simpatici muli. Riusciamo a convincerlo ad andare avanti solo con la promessa di vedere altri animali e per fortuna siamo presto accontentati: le mucche sono al pascolo nei verdi prati intorno alla Malga Monzoni (m. 1860). Sopra la malga una bella chiesetta.

 

 

 

Stiamo camminando da circa 45 minuti e decidiamo di fare la prima sosta in modo che Matteo, mio marito, possa riposare la schiena e Tommaso sgranchirsi le gambe.

 

La malga è piena di gente, grazie anche al servizio di bus navetta che da Pozza di Fassa arriva fin qui. Tanti proseguono o meglio cominciano a camminare e anche noi facciamo lo stesso. Se fino ad ora la strada forestale era comoda ed adatta anche ai passeggini, ora si fa più tortuosa ma sempre facilmente percorribile.

 

In mezz’ora raggiungiamo il rifugio Taramelli (m. 2045), che scopriamo essere gestito da una sezione studentesca della SAT di Trento. Proprio oggi i ragazzi preparano il pranzo a base di polenta e salsiccia e con piacere ci fermiamo a mangiare.

 

 

 

Dopo pranzo riprendiamo la nostra gita. La strada si trasforma in un ripido sentiero con un torrente da attraversare saltando sui sassi, cascatelle e un paesaggio che più si sale più ti lascia stupefatto. I prati sono pieni di rododendri e i colori dell’erba, dei fiori e della roccia creano dei contrasti incredibili.

 

 

In mezz’ora circa raggiungiamo il laghetto, un piccolo specchio d’acqua in una conca erbosa (m. 2232).

Tommaso inizia a lanciare in acqua piccoli sassi e a correre qua e là, finendo come previsto con una scarpa nel lago. Per fortuna abbiamo dei calzini asciutti!

 

 

 

Siamo indecisi se proseguire ancora verso il passo delle Selle ma decidiamo di tornare lungo lo stesso sentiero e fermarci alla malga per mangiare una fetta di torta. Tommaso corre quindi a salutare le mucche (foto), prima di scendere verso la macchina e tornare a casa.

 

Tempo totale 1h 45’

45 minuti da Malga Crocifisso a Malga Monzoni (330 m dislivello)

30 minuti da Malga Monzoni al Rifugio Taramelli (185 m dislivello)

30 minuti dal rifugio Taramelli al Lago delle Selle (187 m dislivello)

 

700 m dislivello

 

È una gita facile se divisa in tre parti come abbiamo fatto noi, ma bisogna comunque essere attrezzati con un abbigliamento e scarpe adeguate ed essere un po’ preparati fisicamente, soprattutto i papà che devono portare i bimbi.

 

Per i meno allenati c’è la possibilità di fermarsi alla Malga Monzoni, oppure si può prendere la navetta ed affrontare la sola salita al Taramelli e al laghetto.

 

Barbara

 

#famigliattiva

Scrivi commento

Commenti: 0