TUTTO IL NECESSARIO PER IL NUOVO ARRIVATO!

 

Come già sapete sono entrata nel pieno dei preparativi del nido per Ludovica… era anche ora, direte voi! Sì, lo so, avete ragione… ma probabilmente me la sono presa molto con comodo perché ho praticamente già tutto, essendo la terza figlia... L’unica cosa a cui ho dovuto davvero pensare è stata quella di acquistare un po’ di vestiario estivo, perché le prime cosine di Lavinia, essendo nata a gennaio, sono tutte invernali!

 

Così, come sempre, ho iniziato a fare le mie solite liste… e ho pensato che potrebbe tornare utile anche a voi!

 

Ovviamente ci saranno delle cose che per alcune di voi potrebbero non servire e molto probabilmente ne mancheranno di altre, ma credo che sia una buona base di partenza per non dimenticare nulla in previsione dell’arrivo del nuovo cucciolo della famiglia!

 

Ecco quindi la mia lista:

 

VESTIARIO. Ovviamente varia in base alla stagione di nascita, ma in linea di massima occorrono body (se ne trovano a bretella, canotta, mezza manica o manica lunga e, secondo me sono molto comodi quelli apribili frontalmente che non devono essere infilati per la testa), tutine, calzini, guantini anti graffio, berretti, sacchi per l’inverno e, per le più scaramantiche e tradizionaliste, la camicetta della fortuna di benvenuto!

 

OVETTO/PASSEGGINO/TRIO. Qui si apre un mondo... e non voglio scegliere nel dettaglio di questo argomento in questo post, ma solo ricordarvi che vi occorrerà sicuramente l’ovetto per l’auto quando uscirete dall’ospedale o, per chi predilige la scelta del trio, la navicella omologata per il trasporto in macchina (vi lascio il link ad un pezzo che ho scritto per BabyRun, di cui sono ambasciatrice e dove approfondisco un po’ i “mezzi di trasporto” per i bambini!). Il trio in foto è quello che ho io: High Trek di Bebè Confort, molto comodo per chi come me vive in montagna e perfetto anche per le strade sterrate.

CULLA O LETTINO. Anche qui dipende molto dalla scelta che ogni genitore farà per quanto riguarda la gestione della notte. C’è chi sa già che farà dormire il proprio figlio nel letto matrimoniale (in tal caso vi consiglio di acquistare un materassino con protezioni per dormire nel lettone in tutta sicurezza), oppure chi opterà per una culla che si possa agganciare al letto vicino alla mamma. Qualcuno sceglierà una culla normale e qualcun altro preferirà acquistare subito il lettino (in tal caso vi consiglio anche qui di acquistare un riduttore per i primi mesi, per far sentire il bambino meno “spaesato”; un’altra buona idea può essere quella di circondarlo con il biscione per l’allattamento).

 

SET DI LENZUOLINI E COPERTE. È bene averne qualcuno, però io personalmente mi sono sempre trovata molto bene con i sacchi per la nanna, che mi danno la totale certezza che il bambino resti sempre coperto e non finisca accidentalmente sotto le coperte o il piumino durante la notte a causa dei diversi movimenti che può fare (esperienza vissuta con Lavinia, che spavento! Me la sono ritrovata rossissima e tutta sudata!!!). Anche per quanto riguarda il cuscino, in molti dicono che i primi mesi non serva e che sia meglio far dormire il neonato in una superficie totalmente piana. In commercio, però, volendo ci sono anche dei cuscini appositamente pensati per la prevenzione e cura della testa piatta. Altro acquisto a mio avviso molto pratico sono le ceratine salva pipì. Perché fidarsi della tenuta dei pannolini è bene, non fidarsi è meglio! (E parlo per esperienza!).

 

FASCIATOIO. O anche solamente il materassino imbottito per il cambio se si ha un mobile su cui appoggiarlo. Io, già con Lavinia, avevo optato per un fasciatoio in stile tedesco: a differenza di quello italiano, non è rettangolare ma quadrato. Questo permette di poter cambiare il bambino frontalmente e si ha anche più spazio di manovra, il che non è poco, soprattutto i primi mesi quando è piccolissimo e siamo terrorizzati dal farlo cadere! Il mio fasciatoio, inoltre, ha la possibilità di smontare il retro del piano di cambio, affinché da fasciatoio si trasformi in un semplice mobile-cassettiera quando non ne avrò più bisogno.

VASCHETTA PER IL BAGNETTO. In commercio ce ne sono tantissime incorporate al fasciatoio, cosa che personalmente ritengo molto scomoda, perché ciò significa che o hai molto spazio per collocare tutto il mobile in bagno oppure che lo terrai in cameretta con la conseguente scomodità di dover svuotare l’acqua in qualche modo. Quindi, secondo me, la scelta migliore è prendere vaschette da appoggiare in doccia o nella vasca (ci sono anche vasche che seguono il corpo del neonato, per evitare che scivoli accidentalmente dalle braccia del genitore). Io, ai tempi, optai per una vaschetta con fasciatoio della Brevi da appoggiare sulla struttura della vasca: questo mi permette di non dovermi inginocchiare e chinare e, a fine bagnetto, basta aprire il tubicino dell’acqua per far svuotare la vaschetta. Infine, sempre per quanto riguarda il momento del bagnetto, si può pensare di acquistare il termometro per misurare la temperatura dell’acqua (durante la prima gravidanza ovviamente l’ho preso, con la seconda ho utilizzato lo storico metodo dell’immersione del gomito!) ed eventualmente una spugnetta delicata… ma altrimenti anche le nostre mani vanno benissimo!!!

 

 

SET ASCIUGAMANI PER BAGNETTO E PER FASCIATOIO. Per il bagnetto sono molto comodi quelli che in un angolo hanno lo spazio per la testa del bambino e che quindi svolgono la funzione di accappatoio. Per quanto riguarda gli asciugamani per il fasciatoio, parlo di set perché è bene averne diversi… perché ne sporcheranno diversi… anche durante la stessa giornata! Molto comodi anche i teli quadrati di lino o cotone, da utilizzare anche come copertina.

 

PANNOLINI. Taglia 1, anche se per esperienza vi sconsiglio di acquistarne troppi perché, essendo fino ai 5 chili, è molto probabile che il bambino supererà molto in fretta questo peso!

 

BEAUTY. Qui c’è da sbizzarrirsi… crema per il cambio, salviettine, detergente per il bagno, shampoo delicato (se nasce capellone!), olio idratante per massaggi, cotton fioc bimbi (in realtà le ostetriche mi hanno sempre detto di usare solo cotone, ma io non sono mai stata in grado di pulire le orecchie così!), forbicine per le unghie (ricordatevi che le prime unghie non vanno tagliate, ma devono spezzarsi da sole)… e sicuramente sto dimenticando qualcosa!

 

RADIOLINA/BABY MONITOR. Acquisto che dipende dalla dimensione della casa e dalle abitudini che avrete nella gestione del sonno del bambino. Se dorme esclusivamente con voi e sempre nella stessa stanza, allora è inutile. Per quanto riguarda la mia esperienza, uno dei regali più graditi è stato l’Angelcare di Foppapedretti: dotato di tappetino da posizionare sotto il materasso, è sensibile ai movimenti del bambino e suona in caso di arresto di questi ultimi. Non so dirvi se è consigliato o meno per le mamme maggiormente ansiose, ma per me, che ho sempre preferito farli dormire nella loro culla e nella loro stanza, è stato uno strumento estremamente rassicurante che ho utilizzato ogni giorno fino a quando sono diventati un po’ più grandicelli.

BORSA PER LE USCITE. Prendetela capiente e con diversi scompartimenti. Non ci crederete a quante cose porterete a spasso i primi mesi di vita del bambino!

 

FASCIA/MARSUPIO. Anche questo è un acquisto molto soggettivo e molto lungo da trattare. Per maggiori informazioni sull’argomento ecco qui i link a dei vecchi post: quello sui marsupi ergonomici e quello relativo alle fasce.

 

CIUCCI. Ciuccio sì, ciuccio no? Io nel dubbio l’ho sempre preso e sia Lavinia che Lorenzo lo hanno usato fin dall’ospedale. Ci sono bambini che lo rifiutano, per altri invece ha un potere calmante e rilassante. Eventualmente si può acquistare anche il porta ciuccio e una catenella per agganciarlo ai vestiti o alla bavetta. Personalmente, una marca con cui mi sono sempre trovata benissimo sia per quanto riguarda i ciucci che i biberon è MAM.

 

STERILIZZATORE. Anche qui… sterilizzazione sì, sterilizzazione no? Io ho preferito farlo sia con Lavinia che con Lorenzo fino a che, con i primi movimenti, hanno iniziato a leccare persino il pavimento! In commercio ci sono diverse soluzioni: elettrici, pastiglie da sciogliere in acqua, per il microonde… oppure si può optare per il più antico dei metodi: bollire l’acqua!

 

ASPIRATORE NASALE E SOLUZIONE NASALE (o semplice fisiologica). Non voglio gufarvela, ma purtroppo può accadere che il bambino esca dall’ospedale con il primo raffreddore! Chiaramente saranno i medici e le ostetriche dell’ospedale a consigliarvi cosa fare e cosa acquistare! Per quanto mi riguarda ho sempre usato quelli con aspirazione per bocca, ma ad un certo punto, stufa di acquistare continuamente i ricambi monouso e di beccarmi tutti i loro raffreddori (i muchi non arrivano chiaramente in bocca, ma i virus sì!), sono passata ad uno elettrico.

 

TERMOMETRO. In commercio ce ne sono di diversi tipi: personalmente ho sempre optato per la misurazione rettale (la quale però deve essere a ribasso di circa mezzo grado). Anche in questo caso, però, consigliate sempre il vostro pediatra… saprà senz’altro illustrarvi la soluzione migliore! Un tipo di termometro che ho testato e che ho trovato molto comodo per la notte è quello di SimplyTemp24, vi lascio il link!

 

DETERSIVI PER NEONATI. Qualcuno la ritiene una spesa inutile, io nel dubbio ho sempre preso sia il detersivo che l’ammorbidente per i bebè. La pelle di un neonato è molto delicata, quindi potrebbe anche reagire al contatto con prodotti troppo aggressivi. C’è, inoltre, chi utilizza anche prodotti sterilizzanti per ogni lavaggio, io uso l’aceto bianco.

 

CUSCINO PER L’ALLATTAMENTO. In commercio se ne trovano di molti tipi, ma nelle stories vi ho mostrato quello che scelsi per Lavinia. Un biscione (molto comodo da usare anche in gravidanza durante la notte per sostenere la pancia) in pula di farro con rivestimento sfoderabile in 100% cotone. I vantaggi della pula di farro sono molti: è un antiacaro naturale, è traspirante e antisudorazione, inoltre dà un effetto calmante al bambino, oltre a donare un morbido massaggio.

DOUDOU. Cosa sarebbe… direte voi… è un peluche pensato per il neonato! Il consiglio è quello di dormirci insieme per tutta la gravidanza, in modo da impregnare con il nostro odore naturale il peluche che poi il bambino annuserà appena nato, infondendogli tranquillità e serenità.

 

UMIDIFICATORE. Se avete una casa particolarmente secca, potrebbe essere una buona idea comprare un umidificatore. Si consiglia, infatti, soprattutto per la fase del sonno, di avere ambienti con temperature non superiori ai 18-20 gradi e che abbiano un tasso di umidità intorno al 40% in inverno e al 55/60% in estate.

 

E ora, per ultime, delle cose che non dovrebbero servire in quanto si auspica sempre di poter allattare il proprio bambino… ma non sempre accade. E non sempre le cose vanno come si vorrebbe. Ad esempio potrebbe accadere che la montata arrivi molto tardi (non a tutte arriva i primi tre giorni quando si è ancora in ospedale) e che la mamma vada in panico perché il bambino urla affamato. Ecco quindi che, sempre secondo il mio modesto parere ed esperienza, non è un’idea malvagia avere in casa un BIBERON e del LATTE in polvere per le emergenze, magari notturne! Della serie… non si sa mai… A me psicologicamente rassicura molto sapere che c’è il piano b! Senza dimenticare poi le mamme che per scelta decidono che allattare non fa per loro!!! Mamme che meritano profondo rispetto sempre e comunque!

Qualora non si allatti, quindi, risulta molto utile avere una custodia termica per le uscite, lo scovolino per lavare i biberon e lo scalda biberon (esistono sia per la casa per che per l’auto). Potrebbe anche servire il Tiralatte, manuale o elettrico, per svuotare per bene i seni o per preparare delle dosi da lasciare a nonne, zie o babysitters.

 

Ecco quindi la mia lista delle cose utili da avere pronte per l’arrivo di un neonato. Spero possa esservi di aiuto per stilare la vostra check list personale… e, se ho dimenticato qualcosa, segnalatelo nei commenti!

 

Linda

Scrivi commento

Commenti: 4
  • #1

    Federica (venerdì, 18 maggio 2018 21:04)

    Ciao, anche io sto pensando di passare all'aspiratore elettrico perché continuamente prendo tutto quello che ha lui( ho provato anche a trovarmi il mio in bocca) ma cosa consigli?!? tu che aspirarore elettrico hai acquistato?!Grazie

  • #2

    Linda - Mamma Dolomitica (venerdì, 18 maggio 2018 23:26)

    Federica scrivimi su Instagram o Facebook così ti mando la foto del prodotto preso su Amazon

  • #3

    Lara (sabato, 19 maggio 2018 16:32)

    Che consiglio puoi darmi x una borsa x le uscite, quella che avevo con la mia prima bimba era quella del trio ed era scomodissima e piccola...

  • #4

    Linda - Mamma Dolomitica (sabato, 19 maggio 2018 22:12)

    Lara, anch'io ho sempre usato quella del trio quindi non saprei aiutarti cavolo... se scopro qualcosa di interessante ti faccio sapere!